Review: Herbalism || LUSH Fresh Handmade Cosmetics

La review di oggi è la seconda che propongo a tema: detergenti viso Lush. Dopo aver finito Angels on Bare Skin, (recensita qui), ho pensato di provare un detergente viso diverso, e, per la mia pelle mista, mi è stato consigliato Herbalism. Ora vi racconto che ne penso.

Herbalism è un detergente per pelli miste, ma leggermente delicate. Confrontandolo con Angels on Bare Skin risulta molto meno esfoliante, ma la detersione è profonda e la pelle risulta pulita e luminosa.

Gli ingredienti, di cui è composto, sono i seguenti:

Olio essenziale di camomilla blu (Matricaria chamomilla), Acqua di clorofilla (CI 75810, Aqua), Estratto di Gardenia (Gardenia jasminoides), Glicerina Vegetale (Glycerine), Mandorle macinate (Prunus dulcis), Caolino (Kaolin), Estratto di ortica, rosmarino ed aceto di riso (Urtica dioica and Rosmarinus officinalis), Profumo (Perfume), Germe di riso (Oryza sativa), Essenza assoluta di rosa di Damasco (Rosa damascena), Olio essenziale di Salvia (Salvia officinalis)

Ortica, camomilla e rosmarino, sono erbe che fanno un’azione purificante estremamente delicata.

Il caolino rimuove gli eccessi oleosi, mentre mandorle tritate e crusca di riso sono esfolianti e mantengono il viso fresco, anche quando è irritato o ha una naturale propensione ai brufoli.

Ha una scadenza di tre mesi, ma Lush la garantisce fino ad un mese. Sicuramente se lavate il viso almeno la mattina e la sera, non durerà più di un mese o giù di lì. La confezione contiene 100g e costa 9,95€.

Dopo tutti questi dettagli tecnici, parliamo di come mi ci sono trovata. La prima impressione è stata catastrofica, perché durante la prova in negozio non avevo percepito l’odore. Ovviamente provare un prodotto su una mano e poi utilizzarlo sul viso cambia di gran lunga le cose. La prima volta che  l’ho utilizzato mi si è stampata in testa un’immagine: i ravioli ricotta e spinaci di Giovanni Rana. Non scherzo! Non mi era mai capitato di associare in modo così diretto un cosmetico a un cibo, e, vi assicuro che è disgustoso pensare di lavarsi il viso con i ravioli. In ogni caso non mi sono arresa, ho continuato ad utilizzarlo e dopo un po’ mi sono abituata e ho cominciato a sopportare sempre più l’odore.

A parte questo, il prodotto è valido. La pelle risulta leggermente esfoliata e luminosa. Di sicuro non lo consiglierei a pelli grasse, poiché l’effetto finale potrebbe risultare un po’  leggero e la sensazione di nutrizione della pelle, potrebbe essere percepita come scarsa pulizia.

Non penso che lo ricomprerei, nonostante mi sia abituata all’odore; sicuramente potrei trovare altri detergenti che soddisfino sia le esigenze della mia pelle, che quelle olfattive.

 

Ovviamente ci tengo un sacco a sapere se qualcun’altro l’ha provato e soprattutto cosa ne pensa. Fatemi sapere se anche a voi è capitato di utilizzare un prodotto che aveva un’odore insopportabile.

Se vi va, seguitemi anche sui miei social:

Facebook

Instagram

Twitter

Annunci

4 pensieri riguardo “Review: Herbalism || LUSH Fresh Handmade Cosmetics

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...